Loading...
HOME / CRONACA / Via le penali di Equitalia: è una mossa elettorale di Renzi?

Via le penali di Equitalia: è una mossa elettorale di Renzi?

loading...

ITALY-RENZI-EARTHQUAKE-AMATRICE

Via le penali di Equitalia: è una mossa elettorale di Renzi?

Il premier Matteo Renzi starebbe facendo pressioni affinché venga inserita nella legge di Bilancio 2017 una sorta di “sanatoria” su interessi di mora, sanzioni e aggio di riscossione sulle cartelle esattoriali di Equitalia. Si tratta di un’iniziativa che riguarderebbe ben 3 milioni di italiani (imprese e normali cittadini) e che potrebbe innalzare gli introiti da destinare alle misure di spesa previste dalla manovra. La mossa, che a molti sa di condono pre-elezioni, sarebbe annoverata tra le misure che contrastano l’evasione fiscale. Infatti il provvedimento andrebbe a “premiare” con sconti sulle cartelle chi decide di saldare volontariamente i propri debiti a rate. L’idea è quella di far accedere a questo beneficio i contribuenti che hanno debiti fiscali fino a 100mila euro. Il presidente di Confedercontribuenti, Carmelo Finocchiaro, ha commentato così la notizia: “Da anni chiediamo, che attraverso rateizzazioni anche lunghissime, con importi che ammontano ad 1/5 del reddito, le imprese e le famiglie possano saldare i conti con il fisco con  misure di salvaguardia per coloro che in questi anni di crisi economica sono stati costretti a non poter assolvere ai loro doveri di contribuenti, rispetto agli evasori che non hanno voluto pagare. Questo è l’ultimo treno a disposizione di Renzi. La fiducia dei contribuenti italiani  ha un limite”.

F.B.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK (QUI) o (QUI) o (QUI)

Seguici su Twitter (QUI)

Google + (Qui)

Al nostro canale Youtube (Qui)

Iscriviti al nostro gruppo Facebook (Qui) o (Qui) o (Qui) o (Qui

Fonte clicca QUI

 

Altro Salvatore

Loading...

Guarda Anche

Mischia il dialetto della provincia di Enna col piemontese e ottiene il sardo

Mischia il dialetto della provincia di Enna col piemontese e ottiene il sardo ISCRIVITI ALLA …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *