Loading...
HOME / CHIESA / “Satana è entrato nella mia chiesa” Il prete-esorcista italiano: da brividi

“Satana è entrato nella mia chiesa” Il prete-esorcista italiano: da brividi

loading...

prete

“Satana è entrato nella mia chiesa” Il prete-esorcista italiano: da brividi

Satana si è fermato a Grandate. Nel paesino in provincia di Como si è consumato un atto vandalico che sembra proprio un rito demoniaco, o almeno è quello che sostiene il parroco.

Come riporta Il Giorno, qualcuno si è introdotto nella notte nella chiesetta di San Bartolomeo, ha rubato le ostie consacrate e ha distrutto gli arredi, compresa la statua della Vergine, a cui sono state mozzate le mani. “Fu un atto dettato dal diavolo, ma per fortuna non riuscì” ha dettoDon Roberto Pandolfi, prete ed esorcista del paese “I satanisti non sono riusciti a trovare quello che cercavano e alla fine quello che hanno distrutto lo abbiamo risistemato”. Ma non la statua della Vergine, che è rimasta con i polsi amputati: “È stata una scelta per dire che non abbiamo dimenticato quanto è successo. Non si può dimenticare un gesto così malvagio. Quella statua profanata, senza più le mani, ha assunto per la nostra comunità un significato particolare, il segno che quella notte malgrado tutto Dio non ci ha abbandonato”.

I carabinieri hanno acquisito le immagini di sorveglianza della piazza davanti alla chiesa, ma nessuno è stato indagato. “Immagino che si tratti di qualche giovane, ne girano molti anche qui, adepti del “satanismo acido” che si alimenta attraverso internet e l’ utilizzo di droghe sintetiche” ha detto l’esorcista.

 

ISCRIVITI ALLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK (QUI) o (QUI) o (QUI)

Seguici su Twitter (QUI)

Google + (Qui)

Al nostro canale Youtube (Qui)

Iscriviti al nostro gruppo Facebook (Qui) o (Qui) o (Qui) o (Qui

Fonte clicca QUI

Altro Salvatore

Loading...

Guarda Anche

Mischia il dialetto della provincia di Enna col piemontese e ottiene il sardo

Mischia il dialetto della provincia di Enna col piemontese e ottiene il sardo ISCRIVITI ALLA …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *