Loading...
HOME / BANCHE / Nuovo MOSTRUOSO regalo alle banche, schiaffo in faccia ai terremotati. Ecco chi e quanto hanno dato agli “strozzini” legalizzati.

Nuovo MOSTRUOSO regalo alle banche, schiaffo in faccia ai terremotati. Ecco chi e quanto hanno dato agli “strozzini” legalizzati.

loading...

Nuovo MOSTRUOSO regalo alle banche, schiaffo in faccia ai terremotati. Ecco chi e quanto hanno dato agli “strozzini” legalizzati.

Via libera a maggioranza assoluta della Camera alla relazione con cui il governo chiede al Parlamento di autorizzare un maggiore indebitamento fino a 20 miliardi per interventi a sostegno del sistema bancario. L’Aula di Montecitorio ha quindi approvato la risoluzione della maggioranza con 389 voti favorevoli, 134 contrari e 8 astenuti. Assieme alla maggioranza che sostiene il governo Gentiloni hanno votato a favore Forza Italia e Scelta Civica-Ala. Dopo la Camera anche l’Aula del Senato ha approvato con 221 sì e 60 no la risoluzione.

“Bisogna continuare con una azione di controllo e di responsabilità nei confronti dei manager che dovessero deviare da comportamenti leciti e rispetto alla congruità dei piani di ristrutturazione” commenta il ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan, il quale spiega che questo intervento “precauzionale” avviene in un contesto in cui le banche “interessate sono in grado di essere valide, solide, sostenibili nel medio e lungo termine. Quindi di avere un piano di ristrutturazione adeguato permettendo alle banche di fare il loro mestiere che è quello di dare credito all’economia, alle imprese e tutelare il risparmio”.

SCRIVITI ALLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK (QUI) o (QUI) o (QUI)I

Seguici su Twitter (QUI)

Google + (Qui)

Al nostro canale Youtube (Qui)

Iscriviti al nostro gruppo Facebook (Qui) o (Qui) o (Qui) o (Qui

Fonte clicca QUI

 

Altro Salvatore

Loading...

Guarda Anche

Mischia il dialetto della provincia di Enna col piemontese e ottiene il sardo

Mischia il dialetto della provincia di Enna col piemontese e ottiene il sardo ISCRIVITI ALLA …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *